Una vita senza Wikipedia

Riflettiamoci un attimo.
Vi immaginate gli scenari apocalittici che potrebbero presentarsi davanti ai nostri occhi in un futuro non molto lontano?

Nel leggere vari commenti su twitter e facebook e altrove emergono drammi incommensurabili! Ci troviamo all’interno della dystopian novel di Bradbury “Fahrenheit 451”?

Ci comportiamo come se ci avessero privato dell’educazione, di qualsiasi conoscenza possibile. O forse del comfort di non doverci ammazzare di lavoro per reperire informazioni, leggersi libri su libri per trovare dati e cose simili?

Personalmente Wikipedia mi è sempre piaciuta nella potenza e non nell’atto. Il creative commons, la possibilità di creare qualcosa tutti insieme, di collaborare per tramandare, costruire: tutto lodevole, ma poi?

Poi ci ritroviamo ad affidarci in tutto e per tutto a lei, per quei dieci minuti, per quelle dieci righe che dobbiamo scrivere su un argomento che non conosciamo e che invece, forse, dovremmo conoscere in modo meno superficiale. E’ come il fast food: ma non è cibo per il fisico quanto per il cibo della mente. Cibo rapido, che viene subito smaltito e non sazia del tutto. Ci affidiamo a Wikipedia come se fosse l’estensione obbligata del nostro sapere: non sai una cosa? Vai su Wikipedia. Devi imparare qualcosa? Vai su Wikipedia. Hai un dubbio su qualcosa? Vai su Wikipedia. Non vuoi fare la figura dell’ignorante davanti a questioni che tuttidovrebberosapere? Vai su Wikipedia. E altre centinaia di cose: basta che tu vada su Wikipedia. Perchè lei sa. TUTTO.

Detto così può sembrare che io schifi Wikipedia. Ma per carità: l’ho usata e spero di poterla ancora consultare.

Digressione personale: son due giorni che gli insegnanti ci ripetono “smettetela di comportarvi come liceali che hanno tutta la pappa pronta: dovete muovervi e crescere.”
E ovviamente hanno ragione.
Ma se trasferissimo questo concetto di autonomia e crescita personale anche alla questione di Wikipedia?

E se un giorno, Wikipedia venisse a mancare, cosa. cazzo. faremmo?
Restiamo liceali? E aspettiamo che qualcuno si muova per ripristinare tutto?

Visti i commenti di oggi, penso proprio che succederebbe questo: un marcire, in sostanza.
E no, non contiamo la smobilitazione sulle pagine di facebook, perchè mi è parsa un po’ sommaria e poco approfondita, nella maggior parte dei casi, purtroppo.

Ma è a quel punto che il bavaglio non mi va giù, non per una questione emersa dalle pagine di Wikipedia.
Perchè Wikipedia, in quanto enciclopedia dovrebbe riportare fatti, questioni, dati universalmente condivisibili e così è già, e di conseguenza non vedo cosa e soprattutto COME si possa ledere qualcuno sulle pagine di un’enciclopedia. Sicuramente esistono pagine non oggettive. Così come non lo sono i libri scolastici, di qualsiasi fazione siano. Non sono MAI oggettivi e completi. MAI, che dir si voglia, specialmente quando son carichi di storiografie di parte. Ma non è questo il posto e il momento adatto per discutere degli storiografi dei libri scolastici.

Il problema non sono sicuramente le pagine di matrice scientifica o artistico – culturale (a parte le inesattezze e incongruenze che possono riscontrarsi). Non sono quelle. E Wikipedia è composta al 70 % da quella tipologia di pagine, circa.

Il problema è altrove, ed è molto più grave secondo me.
Il problema risiede nell’oltre Wikipedia, nel voler approfondire, nel volersi informare per conoscere e crearsi un pensiero autonomo.
Risiede nei contesti (in particolare online) in cui si vuole voler mettere il silenziatore alle opinioni discordanti rispetto al pensiero di chi può importi, per questioni di potere, di tacere (opinioni che sempre son esistite e sempre esisteranno), finendo così nel far volare denunce da una parte all’altra e facendo chiudere praticamente tutto. E no, non mi riferisco unicamente a B. Un po’ tutti fanno così, da che mondo è mondo, in particolare in questo periodo. E non mi riferisco solo alla politica, ovviamente.

Perchè sappiamo come siam fatti: siam dei permalosi ed egocentrici e nell’80 % dei casi non siamo disposti a cambiare idea su alcune idee che ci siam fatti, magari leggendo solo un determinato tipo di stampa piuttosto che un altro, una tipologia di pubblicazione piuttosto che un’altra, e ad accettare le critiche e riflettere sull’eventuale errore.
Ciò che diciamo è giusto, sempre. Un po’ come le pagine di Wikipedia.

Il problema è mettere il silenziatore a tutto: al bianco e al nero, al destra e sinistra, all’alto e al basso, tutto contemporaneamente, privando la persona di poter esprimere la propria voce in capitolo e, ancor peggio, di privare le altre persone della possibilità di formare una propria idea, leggendo tali opinioni.

Per dirla in termini pragmatici: già siamo mediamente ignoranti, togliamo ancora la possibilità di poter apprendere, è la fine. E non ne gioverebbe nessuno. Perchè sì, ignorance is strength, ma non è che obbligatoriamente l’ignoranza giovi ad alcuni, ma potrebbe trasformarsi in qualcosa di veramente negativo, per gli stessi alcuni e per tanti altri.

E non cadiamo nelle solite banalità: “eh vogliono farci diventare ignoranti così ci posson manipolare metterci davanti ad una tv, farci divertire e non farci pensare alle cose serie mentre loro si mangiano i nostri soldio ci prendono in giro”. Beh sì, e allora?
Legge della conservazione del potere/posizione sociale/presigio, semplicemente.
Cioè convenite con me che sarebbe assurdo il contrario (seppur più corretto sotto l’aspetto etico),  no?

Già solo il fatto di riuscire a pensare che vogliano manipolarti indica che ci siano capacità per accorgersene e reagire con forza (almeno) uguale e contraria.

Rettificare, direi.

Ma non vuol dire che si debba cancellare l’opinione del singolo per sostituirla con una rettifica personale, la si può accostare, la si deve accostare (senza usare i titoloni da prima pagina per l’attacco e le rettifiche a carattere 2 a pagina 987, giusto per esser chiari).
A parte insulti gratuiti e simili che generalmente non andrebbero utilizzati a priori, nessuno può togliere il diritto di critica. Perchè in principio la critica può apparire lesiva, ma se ci si impegna un po’, diventa costruttiva.

E se voglio dire che un qualcosa mi fa schifo e chi l’ha creato ha sbagliato, ho il diritto di poterlo dire, come gli altri devon avere il diritto di dirlo a me, poi ci penso io. Sono ancora in grado di rettificare personalmente senza sentirmi eccessivamente offesa -nel caso in cui io mi trovi dalla parte del torto, senza dover imporre all’altro di tacere. E forse dovremmo esserlo tutti, un po’ di più, oggi in particolare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri random e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una vita senza Wikipedia

  1. Pingback: Della legge “bavaglio”, di Wikipedia e dell’accidia « A Broken White Mask

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...