Venerdì 17.

Allora.
Parliamone.
SEI penne, SEI,  son decedute oggi. TUTTE QUELLE CHE AVEVO, IN SOSTANZA.
La 0.3 è stata rapita da non so chi.
E’ stata poi la volta della scoperta più devastante: apro il portapenne e trovo la 0.5 circondata da losche matite colorate e privata del suo tappo. Stecchita.
Continuo a ravanare alla ricerca disperata delle altre sue amiche.
Scoperta ulteriormente più devastante: la 0.8 è nelle stesse condizioni.
Ravano ancora: la 1 è viva, ma sta per rimanerci.
La 0.2 è viva e vegeta nella sua estrema inutilità per l’esame.

Ne manca una: la 0.4, l’unica che potrebbe risollevare le sorti dello studio di oggi.
Non è nel portapenne: è in un ambiguo astuccio a testa in giù e senza tappo: una sorta di San Pietro che si fa crocifiggere a testa in giù per rispetto alla 0.5.

Parte subito l’operazione per riportarle in vita.
Cisterne di acqua bollente e dita martoriate, bagno invaso dalla china, tutti i vestiti anneriti e macchiati sono il bilancio dell’ultima ora e mezza.

Lo stato delle penne è questo.

Le fuck.
Al prossimo bollettino medico.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Frustrazioni di un'aspirante designer e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...